Nel regno vegetale   
In the vegetable kingdom                                            
1994/1995

​​Sulla base di un disagio sempre più forte, prodotto dalla sua osservazione del mondo, Fausta Squatriti ha operato un cambiamento nei contenuti e nella forma della sua percezione della realtà. Le sue tavole sono dei collage di diversi elementi scenici mobili, che determinano la scoperta e la composizione di una nuova realtà. Apparentemente si tratta sempre della forma più adatta per un'arte politicamente impegnata, dai giorni dei dadaisti e di John Heartfield. In un articolo che apparirà prossimamente in un'ampia pubblicazione su Fausta Squatriti, ho cercato di descrivere l'ambivalenza che sta alla base della sua rappresentazione della crudeltà, della corruzione, dell'imputridimento e di tutto ciò che costituisce una minaccia fisica. L'artista procede in modo drastico e senza compromessi nell'indicazione degli strumenti di tortura o dei processi di decomposizione, della mutazione della specie prodotta dagli stessi interventi dell'Uomo.  

Ingo Bartsch

 

On the basis of an ever-stronger sense of uneasiness, the result of her observation of the world, Fausta Squatriti has made a change in the content and form of her perception of reality. Her works are collages of different scenic elements, which determine the discovery and composition of a new reality. Apparently, this has always been the most suitable form for politically engaged art, from the days of the Dadaists and of John Heartfield…

In an article that will appear soon in a comprehensive book about Fausta Squatriti, I have tried to describe the ambivalence that lies at the heart of her representation of cruelty, corruption, putrefaction, and of everything that constitutes a physical threat. The artist proceeds to indicate in a drastic and uncompromising way, the instruments of torture, the processes of decomposition and the mutation of the species produced by the intervention of human beings.

Ingo Bartsch

 

Legami di sangue  
Blood ties                                                        
1995

Fausta Squatriti seziona e raggela l'energia creativa in dittici o trittici caratterizzati da prelievi fotografici ritoccati e si esercita con alterazioni analitiche formali accompagnate da volumi-sculture indipendenti.

Fausta Squatriti espone e pubblica poesie dal '60 e da allora, nonostante le opportune evoluzioni, non sono cambiati il soggetto dei suoi interessi e la curiosità per l'attività intellettiva circolare dell'Uomo, il pensiero, l'idea.

E nel regno delle idee si originano le composizioni di Fausta cinte da un "nodo scorsoio" che stringe l'immagine, il significato con l'artificio.

Squatriti compila pannelli che riflettono la sua enigmatica personalità in perenne conflitto tra l'ansia perfezionista di costruzione e una patologia schizofrenica di annientamento.      

Jacqueline Ceresoli​

 

Fausta Squatriti dissects and freezes creative energy in diptychs and triptychs characterised by retouched photographic samples, and she makes formal, analytical modifications accompanied by independent sculpture volumes.

Fausta Squatriti has been presenting and publishing poems since the 1960s, yet despite their natural evolution, the subject matter that interests her has not changed, nor her curiosity regarding mankind’s constant intellectual engagement with thought and idea.

Fausta’s compositions originate in the realm of ideas, encircled by a ‘noose’ that skilfully draws together the image and the meaning. 

Squatriti creates panels that reflect her enigmatic personality in perennial conflict between the perfectionist’s anxiety regarding construction, and the schizophrenic’s tendency towards annihilation.

​​Jacqueline Ceresoli 

Sed libera nos a malo, 1995/1996                                   

Sono messaggi concreti, scaturiti dalla sua produzione di poesie e aforismi raccolti con lo stesso titolo, risolti in dialettiche soluzioni di passioni pensate e analizzate come principi di causa ed effetto, di vita e di morte.   

Jacqueline Ceresoli

These are concrete messages, arising from her collection of poetry and aphorisms with the same title, transformed into dialectical solutions of passions conceived and analysed as principles of cause and effect, and of life and death.

 Jacqueline Ceresoli



Quando Fausta Squatriti scandaglia l'atrocità che caratterizza i comportamenti bestiali degli uomini, l'evento crudele, proprio come avviene nelle tragedie classiche, non è mai mostrato, ma semplicemente evocato, rappresentato indirettamente, narrato attraverso metonimie visive, perché, come affermano gli antichi precetti retorici, l'evocazione sa essere più incisiva, più persistente, più intensa di qualsiasi truculenta ostentazione.

Roberto Borghi

And even when Fausta Squatriti plumbs the depths of the atrocities that are characteristic of bestial human behaviour, the cruel event, just like in classical tragedies, is never displayed but simply evoked, represented indirectly, told through visual metonymy, because as the ancient rhetorical precepts confirm, evocation knows how to be more incisive, more persistent, more intense than any truculent ostentation.

Roberto Borghi

1/4

1/6
1994/1996
Opere visive/Visual Works
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now