Lago proibito

ed. Il ragazzo innocuo

2005

(poesia inedita e acquaforte originale dell'autrice - stampato tipograficamente a mano in 47 esemplari numerati e firmati)

Rimangono troppe sbavature.

Credere al canto sebbene

cortocircuito d'ore 

al soldo di secondi

nel tempo dei tempi

dove soltanto

per minuzia s'acclara

esistenza



di villaggi scuole focolari orti

inzuppati d'innaturali radiazioni

untura scientifica

scarica energia:

trent'anni di luce all'unisono

dei tanti megatoni

nel cratere fattosi lago.

S'abbeverano le mandrie.

Dio Morte chiude l'occhio sballando energia: l'ordine è cancellato

dalla mappa genetica.

Fausta Squatriti 



 

Crampi

collana Le Onde

ed. Abramo, 2006



Crampi di Fausta Squatriti è un romanzo ellittico, bislungo, insoluto anche quando arriva a fine. Una storia minima e sempre rimandata. A partire dall’intenzione narrativa dall’artefice. Chi scrive sa di evitare lo specchio concavo della propria individuazione (che è ridotta a una sorta di fantasma, a risonanza di figure fratte e derealizzate), e perciò sceglie di essere narratrice in terza persona. Interviene nel suo racconto quasi per caso, come fosse di passaggio. Evita il sé, si muove dentro lo spazio delle sue pagine come un testimone che divaga e indulge. In questo romanzo in cui l’io resta celato, si descrive bene degli altri. Figure in cui ci si rispecchia senza volontà, per forza di un rimpallo, come di fronte a caminiere di negozio, vetrine che rifrangono segni, figure, astanti che attraversano un’inquadratura. Frammenti di esteriorità restano per qualche istante inscritti e fotografati in un ambito di transitoria oggettività, segnati uno a uno e catalogati. Poi scompaiono dalla visione, come riassorbiti dal nulla.


Mauro F. Minervino

 

PER ASCOLTARE PASSI DEL ROMANZO VAI AL VIDEO 

AUDACISSIMA

E non sono pazzi

Poesie 2004-2005

ed. Quaderni di Orfeo

2005​

Riassunti in polvere

da forno

pastella di sangue 

prato di cenci

orologi anelli denti

e altri metalli

separati dai corpi

svettano ancora

catasta d'olocausto.



Assolo d'urla

per ordine e colpi

copre pianto 

di voci azzerate

mentre nel campo

del mondo

ancora si sdotrina

elogio d'ordine 

e progetto.



E non erano pazzi.

Fausta Squatriti 

 

Filo a piombo

Poesie 2004-2009

ed. Tracce, 2010



Parlare della poesia o dei romanzi di Squatriti non può essere un modo letterario, una funzione (semplice per pura convenzione) del linguaggio: per lei anche le parole sono materia, o materiale da costruzione. Appena evocate, diventano subito disegno, quadro, scultura. Sono un modo rapido per dire senza ambagi cose che scottano, cose che si vorrebbero espunte dalla vita.  Funzionano, altrimenti, come un fotografico "fermo immagine" e diventano, senza che ce ne accorgiamo, un gesto o un documento che ha a che fare con l'essere che siamo. Ma non un monumento, tutt'altro: l'artista sembra piuttosto tendere la mano a noi che leggiamo, per guidarci e farci capire come e quanto anche noi si sia coinvolti, spaesati, in un mondo ("questo" mondo) che non vogliamo così, che non abbiamo voluto in questa forma. Ma che, nostro malgrado, ci sommerge, ci vince.

Gilberto Finzi  

Vietato entrare

Poesie 2010-2012

con intervalli scriptici

di Grazia Varisco

ed. La Vita Felice, 2013 



Vietato entrare è una raccolta tragicamente immersa nella contemporaneità,

ci può colpire allo stesso modo dei dati e delle cronache drammatiche che ci giungono continuamente dai media  l’opera poetica di Squatriti ha sempre teso a rovesciare la percezione del lettore dallo stato di assopimento e di autoassoluzione: qui si riferisce con specifiche dediche a fatti realmente accaduti.
Questa raccolta entra come una lama di coltello all’interno dei fenomeni, osserva, separa ed espone contrapponendole le due parti della contraddizione. La politica, la storia contemporanea sembrano essere guidate da un criterio di disuguaglianza e sfruttamento che investe ogni fenomeno sociale: i grandi movimenti migratori, lo sviluppo, la fede, la medicina, gli aiuti umanitari.
[...] la tematica centrale della disuguaglianza mantiene l’autrice in un alveo tematico proprio della cosiddetta poesia civile, intendendo questa definizione come poesia di denuncia, dello scavo sotto la superficie pacificante del quotidiano borghese, del pensiero unico convenzionale.

 

Luigi Cannillo 

 

 

2005/2013

Opere letterarie  Poetry and Novels

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now